sabato 24 maggio 2008

cosa mi è successo negli ultimi 6 mesi?

Lettera a Marco che verrà e a questa triste Italia che abbiamo


Sono incinta , aspettiamo con ansia e felicità Marco, dopo 3 anni di grande sofferenza.
Cosa c'è di strano? c'è che io sono sterile a causa di una poco nota condizione femminile che si chiama menopausa precoce.
L'ho scoperta abbastanza presto a 35 anni, ma ora, finalmente e dopo tanto dolore, inflittoci anche dalla cara Italia, posso dire di avere combattutto e vinto la sterilità.
Mancano pochi mesi all'arrivo di Marco e come tutti i genitori viviamo questi mesi nella felicità ma anche nell'ansia che vada tutto bene, che il mio bambino nasca sano e che durante il parto non ci siano problemi.
Il MIO bambino nascerà grazie al dono di un altra donna, grazie alla Spagna e alle sue leggi.
Forse vi chiederete se durante questi mesi ho mai avuto qualche dubbio su questo bambino, bè la verita è che "è il mio bambino da sempre", ancora prima che il piccolo embrione si unisse saldamente a me, lui è mio figlio e non ho mai avuto il minimo ripensamento o dubbio, neppure i primi 4 mesi di gravidanza passati tra il letto e il wc!
Resterà poi indimenticabile la gioia che abbiamo provato io e mio marito durante la morfologica , quando lo abbiamo visto bene bene in tutte le sue piccole parti le sue manine i suoi piedini il profilo, e il suo pisellino...!che dire il marito tra un po cadeva dalla sedia!
E poi ... come non inorridire di fronte ai discorsi sulla legge 40? di fronte a questa recrudescenza politica che ci tocca ascoltare e subire passivamente?
Si continua a parlare di temi etici, di eugenetica ma la verita è che l'infertilità e/o la sterilità è una condizione medica, non una questione etica.
I politici continuano a sbandiera le loro personali opinioni senza una mezza preparazione medica sulla questione.
Come si puo dire che la maternità non è un diritto? come si puo dire che una donna o un uomo sterili non hanno una patologia medica che va curata?
Poi c'è la questione della "scelta" o come piace a molti del "libero arbitrio":
L'individuo dovrebbe (dico dovrebbe) essere libero di decire la propria strada sia in campo medico che in campo familiare e personale.
Noi abbiamo potuto farlo, abbiamo scelto la nostra strada che era appunto la ovodonazione, e non tornerei mai indietro, ma l'abbiamo potuto fare non grazie all'Italia ma grazie alla Spagna grazie all'Europa, un posto dove l'Italia non si merita di stare.
L'abbiamo fatto con molti molti e ripeto molti sacrifici economici e personali, partendo per un viaggio per certi versi sconosciuto, medici stranieri, lingua straniera, paese straniero!
Ora vogliono rimettere le mani sulla legge 40: cosa avranno intenzione di vietare ancora?
Ridurranno la fecondazione degli embrioni da tre a uno?
Ridurranno ulteriormente l'eta delle donne che possono accedere a queste cure(se in italia ha ancora un senso chiamarle cure?)
I politici continuano a parlare in modo unidirezionale di questo argomento, è ovvio che non c'è la benchè minima possibilità di dialogo ormai, e ne parlano in pubblico come se una questione di salute cosi delicata possa essere compresa da tutti!
Io che ci sono passata so per esperienza direttissima quanta poca compresione? cognizione? solidarietà? ci sia tra le persone che non hanno mai dovuto fare un solo esame per avere un figlio e tanto meno tra le persone che non hanno figli o che sono ancora troppo giovani o ormai troppo vecchie per pensarci
Ti guardano come un asino volante
Certo se avessi raccontato che invece della menopausa precoce il mio problema era la depressione oppure la gastrite avrei avuto molta piu solidarietà.
E cosi le coppie come noi stanno zitte, fanno tutto di nascosto, soffrono in silenzio, vivono la loro angoscia nella piu completa estraneita degli altri.
Questo è giusto?è normale? forse si, è difficile portare le scarpe di un altro
La politica deve fare delle leggi adeguate senza pregiudizi etici che qui non centrano niente
si tratta di una malattia, di una condizione medica, e gli strumenti per guarire ci sono!
Per fortuna la scienza va avanti anche senza la politica italiana.

Cosa è adesso l'Italia?Cosa diventerà nei prossimi anni?
Si dice sempre : in europa si puo fare questo o quello in Italia no! e nel futuro io credo sarà molto peggio, perche al momento non ci sono i margini per un dialogo costruttivo ci sono solo altre limitazioni e divieti e imposizioni illogiche.
Spero di cuore che l'Europa ci "butti fuori", perche non meritiamo di essere definito un paese civile
Un paese dove per l'ennesima volta una persona benestante puo permettersi di farsi curare all'estero, e per l'ennesima volta una persona che i soldi non ce li ha non puo!
Alla fine della fiera tutti i discorsi etici che sento, portano solo ed esclusivamente a questo risultato: chi ha scelto e chi puo scegliere va all'estero, PAGA, e si cura!
I politici si nascondono dietro a un dito e dietro la forse piu che ragionevole "ignoranza" dei piu.
Ma tranquilli, l'infertilità e/o la sterilità è in aumento
prima o poi toccherà in modo diretto o indiretto quasi tutti!

Amore mio ti aspettiamo
i tuoi genitori b. e s.